Marco Betti: a musical bio

Ciò che meglio caratterizza il batterista milanese Marco Betti è probabilmente la trasversalità delle sue esperienze tra diversi generi e scene, che gli ha permesso di sviluppare una notevole versatilità musicale. Allievo di Sandro Lorenzetti, una vasta conoscenza di differenti sfumature della musica americana consente a Marco di distillare una sua personalissima idea della musica Jazz.

2011

Marco è parte del progetto del cantautore underground americano Nicolas Falcon, esperienza che culminerà con la pubblicazione di un EP intitolato Falcon and The Featherweights, e con un tour in Italia, Svizzera, Repubblica Ceca e Germania.

2012

Il Marco Betti Trio muove i suoi primi passi a Milano, facendosi apprezzare nei più rinomati club della città, come il Blue Note Milano e Le Scimmie.

2015

Marco è arruolato nel Vintage Trio della leggenda del blues Italiano Max Prandi. Nei successivi anni di militanza nella scena blues italiana è chiamato a condividere il palco con numerosi ed eccezionali artisti, tra i quali il cantante/armonicista texano Greg Izor, Max De Bernardi, Veronica Sbergia, Heggy Vezzano e Angelo Rossi.

2017

Inizia una fruttuosa collaborazione con lo storico Jazz Club Torino, che porta il Trio a diventare resident band nel celebre locale torinese, dove presenta per la prima volta lo show A Night with the Jazz Giants. Presto questa esperienza viene replicata con le residenze al Garage Moulinski e alla Santeria Toscana a Milano, e al Craftsman Jazz Club a Reggio Emilia. Questi impegni stabili consentono alla band di sviluppare spettacoli come From a Wider Perspective, Without a Net e Four Brothers.

2018

Dopo alcuni anni di collaborazione con Diego Geraci, storico pilastro della scena country/honky tonk/rockabilly Italiana, Marco si unisce stabilmente alla lineup del suo progetto principale, il Don Diego Trio. Con loro ha l’occasione di suonare in USA, Regno Unito, Italia, Germania, Belgio e Olanda, partecipando a diversi prestigiosi festival e accompagnando veri e propri giganti del genere: Deke Dickerson, Charlie Gracie, Mark Gamsjager e Chris Casello. Nel 2019 esce l’album Cowboy Jazz Experience.

2019

Marco è chiamato ad incidere il disco del chitarrista jazz d’avanguardia Simone Massaron, The Massaron-Millevoi Connection. L’album, uscito per Long Song Records, testimonia l'inedita collaborazione tra Massaron e il chitarrista americano Nick Millevoi.

2020

Con la pandemia a impedire le esibizioni dal vivo, il Trio entra in studio con l’obiettivo di catturare l’energia dei propri live nel suo primo album: Rumble in The Jungle.